Condividi

Santa Maria Capua Vetere – Allarme bomba all’aeroporto. Questa mattina, intorno alle 9:00, gli agenti delle forze dell’ordine hanno arrestato l’estremista Francesco Paolella, molto probabilmente appartenete all’ISIS o a qualche altra sigla terroristica.

Secondo le prime ricostruzioni, Francesco Paolella stava effettuando il check-in per entrare in aeroporto, quando ha iniziato ad urlare “BOMBA” e a dimenarsi in un modo incredibilmente sospetto.

I tutori dell’ordine, sentite le urla, si sono lanciati con sprezzo del pericolo su Francesco Paolella, che ha lottato per sfuggire alla legge, ma la Polizia ha avuto la meglio. Francesco Paolella è stato così trasportato al locale Commissariato di Polizia, dove ha negato tutte le accuse che gli sono state rivolte.

Francesco Paolella infatti ha sostenuto di essere un amante della musica latino-americana e la frase che ha pronunciato in aeroporto è soltanto il ritornello di una famosa canzone che stava ascoltando tramite un auricolare.

Tuttavia, la Polizia non ha creduto alla sua versione dei fatti, dichiarando che, probabilmente, Francesco Paolella stava ascoltando le istruzioni per compiere l’attentato. Secondo fonti ufficiali, Francesco Paolella avrebbe provato a difendersi ballando, così da dimostrare le sue abilità nella danza latino-americana, ma la polizia lo ha bloccato nuovamente, temendo che cercasse di farsi esplodere.

Attualmente Francesco Paolella si trova in stato di fermo e inganna il tempo organizzando corsi di latino americano, che gli stanno procurando numerose proposte di matrimonio e nuovi soldati per la sua guerra all’occidente.

FAI QUESTO SCHERZO

Compila i campi sottostanti e genera questo simpatico scherzo ai tuoi amici. In alternativa, puoi anche generare altri scherzi, selezionandoli da questa pagina.


NOME
COGNOME
SESSO
CITTA'
FOTO DELLA VITTIMA



Accetto i Termini e Condizioni del servizio e acconsento al trattamento dei dati personali

SESSO OPPOSTO

Isis

Allarme terrorismo a Roma, in manette l’estremista Maria Bianchi

Leggi la versione femminile di questo scherzo >>